fbpx

Sindrome del Tunnel Carpal

I benefici della vitamina D

Sindrome del Tunnel Carpal

La sindrome del tunnel carpale è una condizione dolorosa e debilitante che colpisce il polso e la mano.

È causata dalla compressione del nervo mediano, che passa attraverso il “tunnel carpale”, una struttura stretta e rigida situata nella parte inferiore del polso.

I sintomi tipici includono dolore, formicolio, intorpidimento e debolezza nella mano e nelle dita, specialmente nel pollice, indice e medio.

Questi sintomi possono peggiorare durante l’uso prolungato della mano, come durante la digitazione o l’uso di strumenti manuali. La sindrome del tunnel carpale può essere causata da una serie di fattori, tra cui traumi ripetuti, posture scorrette delle mani, gravidanza, malattie come il diabete o l’artrite reumatoide, o altre condizioni che causano gonfiore nel tunnel carpale. Il trattamento può includere riposo, immobilizzazione del polso, terapia fisica, farmaci antinfiammatori e in alcuni casi, intervento chirurgico per alleviare la compressione del nervo.

Un recente studio pubblicato sulla rivista Nutrients ha esplorato il ruolo della vitamina D nella gestione della sindrome del tunnel carpale (CTS).

La CTS è tra le neuropatie periferiche più diffuse e provoca la compressione del nervo mediano. L’individuo affetto prova dolore, intorpidimento o formicolio lungo l’area dell’arto superiore interessata dal nervo, oltre a percepire un indebolimento della presa e della funzione della mano.

Obesità, diabete, lesioni da stress ripetitivo, infiammazione reumatoide, gravidanza e fattori genetici interagiscono per aumentare il rischio di CTS. 

I partecipanti dello studio citato sono stati randomizzati a ricevere la sola terapia con corticosteroidi o corticosteroidi con integrazione di vitamina D.

Tra i pazienti con CTS con bassi livelli di vitamina D, l’aggiunta di vitamina D alla terapia con corticosteroidi ha portato a un miglioramento del sollievo dal dolore, a una riduzione della gravità dei sintomi e di alcuni parametri elettromiografici.

Studi precedenti avevano indicato che la carenza di vitamina D aumenta il rischio di CTS e la gravità dei sintomi: lo studio in oggetto corrobora questi risultati e suggerisce che l’integrazione di vitamina D nei pazienti con CTS con bassi livelli di vitamina D può ridurre l’ipersensibilità, riducendo così la sensazione di dolore e il formicolio e che livelli più bassi di vitamina D sono associati a una maggiore gravità dei sintomi, ma che possono migliorare dopo tre mesi di integrazione di vitamina D insieme alla terapia con corticosteroidi.

▶️ Per approfondire CLICCA QUI

Leggi anche:

Scapola depressa e neck pain

Post-mastectomy pain syndrome (PMPS)

La memoria di lavoro migliora con la pratica

Newsletter Epistrofeo

Vorresti rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità in ambito sanitario?

Iscrivi alla nostra nostra newsletter CLICCA QUI

Group 227 Vuoi iniziare il tuo percorso con noi?