fbpx

Equilibrio autonomo

L'influenza delle tecniche CV4 e Rib Raising sull'equilibrio autonomo

sistema nervoso

Il sistema nervoso autonomo è una parte del sistema nervoso che controlla le funzioni automatiche del corpo, come la frequenza cardiaca, la digestione, la respirazione e la regolazione della temperatura corporea. È chiamato “autonomo” perché opera senza la nostra volontà conscia e regola le funzioni del corpo in modo automatico.

Il sistema nervoso autonomo è suddiviso in due sotto-sistemi principali: il sistema nervoso simpatico e il sistema nervoso parasimpatico. Questi due sotto-sistemi lavorano in collaborazione per mantenere l’omeostasi del corpo e per rispondere agli stimoli interni ed esterni in modo appropriato.

  • Il sistema nervoso simpatico è coinvolto nella risposta del “combatti o fuggi”. Si attiva in situazioni di stress o pericolo, aumentando la frequenza cardiaca, dilatando le vie respiratorie, aumentando la pressione sanguigna e indirizzando il flusso sanguigno verso i muscoli scheletrici per preparare il corpo alla reazione di fuga o di combattimento.
  • Il sistema nervoso parasimpatico, d’altra parte, è coinvolto nella risposta di “riposo e digestione”. Favorisce il rilassamento e il recupero, abbassando la frequenza cardiaca, rallentando la respirazione, promuovendo la digestione e favorendo il riposo.

L’equilibrio tra questi due sistemi è fondamentale per il benessere generale del corpo.

Nel 2020 è stato pubblicato un RCT con lo scopo di valutare se le tecniche osteopatiche di compressione del quarto ventricolo (CV4) e del sollevamento delle coste (RR) potessero influenzare l’attività del sistema nervoso autonomo, misurata dalla variabilità della frequenza cardiaca e dalla conduttanza cutanea

Nello studio sono stati coinvolti 32 adulti sani (33,9 ± 14 anni e 72% donne) suddivisi in modo randomizzato in tre gruppi: gruppo CV4, gruppo RR e gruppo Placebo.

Ciascun soggetto di ciascun gruppo è stato sottoposto alla rispettiva tecnica solo una volta. HRV e SC sono stati registrati continuamente durante la sessione.

Tutte le analisi dei dati sono state eseguite utilizzando un software statistico e il livello di significatività è stato considerato p ≤ 0,05.

L’analisi dei soggetti intragruppo con la tecnica RR ha mostrato una diminuzione significativa del rapporto LF/HF (F = 25,18; p < 0,001), una diminuzione statisticamente significativa di LF (F = 27,09; p < 0,001) e un aumento di HF, entrambi alla fine del trattamento (F = 27,09; p < 0,001).

L’analisi dei soggetti intragruppo con la tecnica CV4 ha mostrato una riduzione significativa del rapporto LF/HF (F = 81,15; p < 0,001), una diminuzione significativa di LF (F = 38,29; p < 0,001) e un aumento significativo di HF, alla fine del trattamento (F = 38,28; p < 0,001).

l rapporto LF/HF permette di quantificare l’equilibrio tra i due sistemi simpatico e parasimpatico.

I risultati di questo studio suggeriscono che l’applicazione delle tecniche CV4 e RR potrebbe favorire uno spostamento dell’equilibrio autonomo verso uno stato predominante parasimpatico. Gli autori sostengono che l’utilizzo delle tecniche CV4 e RR all’interno del protocollo OMT potrebbe migliorare l’esito del trattamento delle condizioni cliniche neurovegetative.

▶️ Fonte: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33218540/

Leggi anche:

Il sistema nervoso vegetativo

L’efficacia della mobilizzazione neurale per le NCB

Inquinamento atmosferico ed emicrania

Newsletter Epistrofeo

Vorresti rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità in ambito sanitario?

Iscrivi alla nostra nostra newsletter CLICCA QUI

Group 227 Vuoi iniziare il tuo percorso con noi?